Le Naiadi dovrebbero diventare per il nuoto quello che Coverciano è per il calcio

LE MIE NAIADI…“Avevo 10 anni quando nacquero Le Naiadi e fui uno dei primi fruitori di questa struttura…È qui che imparai bene a nuotare…Sono nato sul mare e vivere l’acqua in un modo diverso, dentro l’allora piscina a forma di quadrifoglio è ancora un ricordo piacevole. Mi appassionai…ho ancora bene in mente il mio costume nero e quando il signor Carrozza mi disse “ora sei pronto per l’olimpionica”…fu una bella sensazione. Ben presto Le Naiadi diventarono il mio spazio vitale di famiglia e lo diventarono per molti…”

NAIADI è CULTURA…”Ricordo fiumi di persone che si dirigevano a piedi verso questa che era ed è rimasta un’istituzione abruzzese e italiana. La Premiata Forneria Marconi, gli Equipe 84, i New Trolls, il Festival Jazz, Patty Pravo, Massimo Ranieri e ancora, le edizioni del Premio Flaiano…Le Naiadi erano una fucina di iniziative culturali e sportive e credo fortemente che si debba ritornare a quelle stagioni. Le Naiadi dovrebbero diventare per il nuoto quello che Coverciano è per il calcio”.

visita sindaco masci

LA POSIZIONE…”Uno dei punti strategici per questo complesso è senz’altro la posizione geografica: immersa nel verde, difronte al mare e nel mezzo di quello che è a tutti gli effetti il parco naturale di Pescara che puntiamo a far diventare il polmone verde della nostra città. È una struttura che merita la massima attenzione e in Regione Abruzzo c’è un tavolo aperto per rilanciarla su più fronti”.

LA VIABILITA’…”il Comune di Pescara sta lavorando sulla viabilità, siamo convinti che il vero salto di qualità, anche per Le Naiadi, sarà la filovia sulla strada Parco che unirà le principali aree verdi della città e diventerà una grande opportunità per tutta la zona, favorendone lo sviluppo e il facile e funzionale transito”.